News

Carità, preghiera e digiuno per sentire il profumo della Pasqua

Il 14 febbraio, con la celebrazione del rito delle Ceneri, si è aperto il tempo forte della Quaresima. L’occasione ha visto il vescovo Domenico presiedere il rito in Cattedrale e condividere con i fedeli l’inizio del cammino verso la Pasqua: un percorso da iniziare con una «inversione a “U”», con lo scegliere un percorso che bada all’interiorità più che all’esteriorità

Avviato il Centro di Comunità a Cittareale: «un luogo che rende possibile l’incontro»

Dopo i numerosi interventi effettuati dalla Caritas nelle zone colpite dal sisma del 24 agosto 2016, è stato inaugurato un nuovo centro di comunità nel comune di Cittareale. La struttura è stata creata per offrire alla comunità un luogo socio-pastorale i cui ampi saloni verranno messi a disposizione delle persone per promuovere attività sociali, culturali, pastorali e ricreative.

Verso la Giornata Mondiale del Malato

Tutto pronto per la celebrazione, in diocesi, della Giornata mondiale del malato, che per il 26° anno la Chiesa, per volontà del santo papa Giovanni Paolo II, vive nella ricorrenza della prima apparizione di Maria a Lourdes, l’11 febbraio, e che l’ufficio di Pastorale della salute, assieme ad altri soggetti ecclesiali e alla parrocchia cittadina – Regina Pacis – che come sempre accoglie le liturgie del triduo e della festa, organizza per la comunità reatina.

Giornata mondiale del malato: guarire dal nostro egoismo per aprirci all’altro

Sarà celebrata il prossimo 11 febbraio a Regina Pacis la Giornata mondiale del malato. Quest’anno il tema è dato dalle parole che Gesù, innalzato sulla croce, rivolge a sua madre Maria e a Giovanni. «Queste parole del Signore – spiega il Santo Padre Francesco nel Messaggio diffuso in vista della Giornata – illuminano profondamente il mistero della Croce. Essa non rappresenta una tragedia senza speranza, ma il luogo in cui Gesù mostra la sua gloria, e lascia le sue estreme volontà d’amore, che diventano regole costitutive della comunità cristiana e della vita di ogni discepolo»

Nuovo guardiano a Greccio: non si sceglie, si viene scelti

Dallo scorso 9 gennaio c’è un nuovo padre guardiano a Greccio: è Andrea Stefani, succeduto a padre Luciano De Giusti, che rimane nella comunità dei Minori del santuario del primo Presepe, mentre padre Ezio Casella si sposta da Greccio a Poggio Bustone. Il frate 61enne, sacerdote da 34 anni, in valle reatina era già stato nei primi anni Novanta, a Poggio Bustone, dove aveva svolto anche il servizio di parroco del paese. In seguito è stato parroco a Guidonia e quindi a Roma alla guida della parrocchia trasteverina di San Francesco a Ripa